Asma

Sommario

Un gruppo di 33 pediatri suddivisi per macroregioni (15 nord, 10 centro, 8 sud/isole) in base alla distribuzione pediatrica in Italia, ha partecipato ad uno studio retrospettivo e prospettico sull'asma bronchiale infantile, coordinato nell'ambito del progetto Pedianet e con la collaborazione di GSK. I pediatri partecipanti seguono 28.856 bambini di età compresa tra 0 e 14 anni, tutti inclusi nello studio. 

Lo studio si è articolato in due fasi: 

1° Fase Retrospettiva per valutare la prevalenza dell'asma nella popolazione pediatrica e per individuare eventuali fattori di rischio per lo sviluppo di asma persistente. 

I soggetti arruolabili sono stati individuati mediante una procedura informatica in grado di identificare tutti i pazienti visti e registrarti nel database dei PLS con diagnosi di: asma, broncospasmo, dispnea, sibili, wheezing, negli anni 1997-1998. 
Gli asmatici sono risultati 1.263 con una prevalenza media del 4,38%. 
I maschi erano 811. 
La prevalenza nel sesso maschile era 5,36, in quello femminile 3,31%. 
La familiarità per asma è presente nel 16,1% dei padri, nel 7,5% dei nonni paterni, nel 7,8% delle nonne paterne, nel 20,3% delle madri, nel 8,4% dei nonni materni e nel 8,8% delle nonne materne. 
II 17% dei bambini asmatici ha un fratello con asma e il 11,9% una sorella con asma. Il 25,1% dei bambini asmatici ha almeno 1 membro del gentilizio paterno con asma e il 29,5% almeno 1 membro del gentilizio materno con asma, il 25,4% ha 1 o più fratelli con asma. 
652 (51,6) erano i bambini affetti da asma episodica, 596 da asma persistente (47,2%). 
Il rischio di sviluppare asma persistente è risultato maggiore nei bambini di età compresa fra 4-6 anni e > 6 con OR di 1,6% (95% CI 1,2-2,1) e di 1,3% (95% CI 1,0-1,7). 
Altri fattori di rischio emersi dal nostro studio per lo sviluppo di asma persistente sono stati: mese di nascita maggio; sito di ubicazione della casa: in periferia; combustibile utilizzato in casa: gasolio; fumo dei genitori; presenza, di animali in casa; familiarità per asma del padre e della madre. 
Sembrano invece ridurre il rischio di sviluppare asma persistente l’avere la madre lavoratrice con un grado di istruzione medio-alto, il riscaldamento autonomo in casa, la legna come combustibile domestico. 
Questi risultati sottolineano l'importanza della familiarità per asma, dei fattori sociali ed ambientali nel determinare lo sviluppo e il grado di severità della malattia. 

2° Fase Prospettica, (maggio 1999 maggio 2000). 

Gli obiettivi erano di valutare l’ incidenza dell'asma, la storia naturale, la qualità della vita, le differenze fra i modelli di trattamento secondo età, sesso e provenienza e valutare se il trattamento era in linea con le linee guida internazionali. 
652 bambini (51,6%) sono stati classificati come casi episodici di asma, 567 (44,9%) come casi di asma lieve persistente, 20 (0,16%) di asma persistente moderata, 9 (0,08%) di asma persistente grave. 
Fra i pazienti che soffrono di asma episodica solo il 18,7% ha usato i (3-agonisti a effetto breve (SA-BA), l'8,3% ha usato i corticosteroidi per via inalatoria (ICS) e il 6,3% i corticosteroidi sistemici (SCS). Spesso gli SCS sono stati usati a lungo termine. 
I pazienti con asma persistente sono stati sottoposti a trattamento con SABA nel 45,6% dei casi, il 29% ha usato ICS e il 14,9% SCS. La combinazione di SABA e ICS è stata utilizzata dal 4,9% dei bambini con episodi di asma e dal 20,4% di bambini sofferenti di asma persistente. Ai pazienti sotto i cinque anni è stata somministrato molto più SCS, ma meno ICS, cromoglicati, anti-leucotrieni e (3-agonisti a effetto prolungato rispetto a quanto somministrato ai bambini al di sopra dei cinque anni. Nel trattamento non si è fatta distinzione di sesso. Si sono osservate grosse differenze di trattamento nelle diverse regioni. Nel sud d'Italia si sono usati molto di più il cromoglicato, gli anti-colinergici per via inalatoria, gli SCS, i p-agonisti sistemici e le xantine (indipendentemente dall'età e dalla gravita del disturbo) rispetto al nord e centro Italia, mentre al nord si sono utilizzati di più gli ICS. 

Conclusione 
Si è osservata una buona aderenza alle linee guide internazionali per il trattamento dell'asma in bambini del nord e del centro

Partecipanti e Collaborazioni

Coordinatori

Luigi Cantarutti 
Pediatra di Libera Scelta, Società Servizi Telematici, Padova 
Carlo Giaquinto 
Dipartimento di Pediatria, Padova 
Angelo Barbato 
Dipartimento di Pediatria, Padova 
Miriam Sturkenboom 
CNR/ITBA, Milano 
Massimo Soncini 
Statistico 
Cristina Panizzolo 
Pediatra di Libera Scelta

Partecipanti

Giuseppe Giancola, Mario Fama, Fabrizio Fusco, Luigi Cantarutti, Stefano Del Torso, Costantino Gobbi, Dominique Lorson, Alessandra Magnelli, Luigina Rampini, Paolo Senesi, Sergio Speciale, Andrea Valpreda, Isaia Lando, Pietro Basoccu, Claudio Biondi, Mario Campo, Simonetta Fain, Giuseppe Lorusso, Ferdinando Maioli, Ivo Tanzi, Andrea Passarella, Salvatore Napolitano, Adele Riotta Roggi, Palmina Cristofanelli, Daniela Sambugaro, Silvia Gambotto, Angela Calà, Rita De Angelis, Enrico Luciano Frontini, Francesco Speranza, Anna Mulas, Teresa Randolfi, Maria Ausilia Santoro.

Collaborazioni

Alessandro Zandarin 
Società Servizi Telematici, Padova

Report
Pubblicazioni

Cantarutti L., Barbato A., Giaquinto C., Panizzolo C., Fascio A., Sturkenboom M., et al.

Prevalence and treatment of asthma among children in Italy.

ATS 2001, San Francisco 2001 Abstract.

A. Barbato, C. Panizzolo, L. Biserna, L. Cantarutti, C. Giaquinto, F. Frati, F. Marcucci, C. Mancinotti, R. Testi, P. di Blasi, MCIM Sturkenboon and the Pedianet Family Pediatricians Asthma Study Group (F-PASG).

Asthma Prevalence and Drug Prescription in Asthmatic Children.

European Annals of Allergy and Clinical Immunology, 2003, 35: 47-51.

Cantarutti L., Barbato A., Giaquinto C., Panizzolo C., Fascio A., Sturkenboom M.

The prevalence of asthma in children; results of a prospective study (Pedianet study)

World Congress Florence 2000 ERS Abstract.

Finanziamenti

Lo studio è condotto in parte con il supporto di Glaxo-Wellcome S.P.A.